Berlusconi è tornato il mattatore che tutti conoscono. E’ pressoché ovunque in TV, a tutte le ore e su tutte le emittenti…manca solo che vada a “sparare” (anche) sul magistrato di Forum e che affronti vis-à-vis Travaglio per andarsene dopo due minuti dalla trasmissione, portandosi via il pallone per non farli più giocare.

Scherzi (neanche tanto) a parte, Berlusconi sta dimostrando ancora una volta di essere di un altro pianeta sul piano della comunicazione. Nessuno sa come lui che la TV è ancora, di gran lunga, il mass media per eccellenza. Nessuno sa come lui che per ottenere consenso bisogna colpire i sentimenti e le viscere, non la ragione. Nessuno, in poche parole, sa essere “arci-italiano” come Silvio, non c’è niente da fare. Ieri, mentre Monti parlava una lingua complessa e involuta, quantomai politichese sulla sua eventuale “discesa in campo”, Berlusconi andava giù piatto, sapendo che radicalizzare lo scontro aiuta. Colpire la pancia degli elettori, fomentare gli ex berlusconiani per riportarli alle urne, per difendere il leader ferito e vittima dei comunisti, dello spread, dell’Europa, dei magistrati, dei tecnici, del Presidente della Repubblica, della Corte Costituzionale, delle televisioni di sinistra, dei giornali di sinistra, della satira di sinistra, della forma di governo parlamentare, della Merkel, di Sarkozy…Il tutto giocando sulla memoria sempre corta degli elettori, altra cosa che Silvio conosce e sfrutta come nessun altro.

Dopo essersi dimesso perchè ormai senza maggioranza parlamentare, con la lettera dell’Unione Europea che gli dettava i compiti per casa, con la vicenda Ruby-Olgettine in un gran crescendo e tra spumante e lancio di monete… se ne è stato un anno in disparte, ha lasciato al governo tecnico tutte le scelte impopolari, ha fatto “giocare” i suoi “colonnelli” alle finte primarie e poi…è tornato a riprendersi la scena. Ovviamente in televisione, il suo regno: quello del marketing, della pubblicità, della fiction, dei sogni…Pronto alla rivoluzione liberale che solo lui può garantire all’Italia, esattamente come 20 anni fa…

Chiudo con un aneddoto. Stavamo preparando gli “Stati Generali della Città”, era febbraio 2011. Nella seconda giornata era previsto l’intervento di Berlusconi, allora ancora saldamente premier. Incontrammo il suo staff per decidere alcuni dettagli sull’allestimento del Palazzo dei Congressi. Dopo aver “srotolato” la planimetria della sala, uno di noi disse: “ecco, qui ci saranno 2 mila persone” e il suo staff rispose: “non ce ne frega niente della gente in sala. Dove sono collocate le telecamere?” In quel momento capii tante cose…

LDG