I miei amici (e colleghi) del CISE (Centro Italiano di Studi Elettorali) sono già in fase avanzata di analisi del voto del 24-25 febbraio.

Il testo è in parte per addetti ai lavori, ma ciò che emerge è chiaro per tutti:

1. Il nostro sistema partitico è “tripolare” (Fig. 1).

2. Il tanto vituperato Procellum, accusato di non garantire la governabilità, ha in realtà distorto enormemente i risultati in favore della coalizione vincente. D’altronde avere il 55% di seggi alla Camera con il 29% dei voti parla chiaro. Ma anche al Senato Italia Bene Comune ha il 40% di seggi a fronte di un 30% di voti cumulati a livello nazionale… (Fig. 5)

3. L’Italia non è più il paese del “voto fedele”. Ma questa transizione è stata fatta “all’italiana”, ossia col botto. Ben 4 elettori su 10 hanno cambiato partito, un’enormità…(Fig. 6)

Per leggere l’analisi, vai su:

Volatile e tripolare: il nuovo sistema partitico italiano « CISE :: Centro Italiano Studi Elettorali.