Quando il brand è il “produttore” e non il “prodotto”… Vicenda interessante, non sorprendente, ma che indubbiamente fa molto riflettere sull’ipermondo in vetrina che viviamo quotidianamente. Oggi la credibilità, l’appeal, la popolarità dell’emittente di un messaggio vale molto più del messaggio stesso. Il logica si definirebbe “fallacia ad personam”, ma tant’è… Facciamocene una ragione…

Leggi su:

Rowling scrive un giallo sotto pseudonimo: flop fino alla rivelazione, poi boom di ordini – Repubblica.it.