Da ciò che trapela sulla sentenza della Corte Costituzionale – aspettando le motivazioni che argomenteranno meglio le decisioni prese ieri – siamo di fronte a un verdetto molto particolare. Personalmente, lo anticipo, è una sentenza che mi lascia molto perplesso. Non tanto per la sostanza, tutt’Italia era contro le liste bloccate e un premio di maggioranza senza soglie minime per ottenerlo. E dunque la Corte ha di fatto sostituito i partiti e ha fatto fuori i più importanti “indiziati” del Porcellum.

Sono perplesso, piuttosto, per un’altra cosa, semplice quanto radicale. E cioè, se la Consulta ha davvero ritenuto incostituzionali le liste bloccate “nella parte in cui non consentono all’elettore di esprimere una preferenza” e dunque perché impediscono la libertà di scelta dell’elettore, a mio avviso siamo di fronte a una forzatura enorme. E ciò per due ragioni.

La prima è che l’elettore, anche in presenza di liste bloccate è libero di:

1. Votare;

2. Non votare;

3. Votare scheda bianca;

4. Votare scheda nulla;

5. Votare per un partito.

Dunque, ha la possibilità di scegliere tra 5 azioni diverse. E, se decide di dare un voto valido, in Italia ha una scelta mediamente molto, ma molto ampia tra i partiti ammessi alle elezioni.
Se accettiamo la tesi per cui l’elettore dovrebbe avere libertà di scelta anche tra i candidati all’interno dei partiti (che ripeto è già una forzatura: una democrazia è tale se c’è una libera competizione tra partiti, a prescindere da come si presentano e si selezionano i candidati) come sembra emergere dalla sentenza della Corte, beh a mio avviso siamo di fronte a un bel problema, un problemone direi. E siamo alla seconda ragione per cui parlo di forzatura.

Di fatto la Corte sembra imporre un sistema proporzionale con voto di preferenza e non lasciare alcuna possibilità ad ipotesi alternative… Se, infatti, vale la logica per cui l’elettore debba disporre di più candidati (all’interno dello stesso partito) a cui poter dare il proprio voto, diventano incostituzionali, oltre alle formule proporzionali con liste bloccate, anche tutte le formule maggioritarie, a uno o due turni, con collegi uninominali. E ciò per la semplice ragione che anche in quel caso l’elettore non avrebbe scelta: un candidato per ogni partito, scelto dal partito. La sua scelta sarebbe ancor meno libera che nel porcellum, per intenderci

Dunque, nessun sistema maggioritario e nessun sistema proporzionale con liste bloccate perché incostituzionali: resta come unica ipotesi residuale una formula proporzionale che permetta l’espressione di voti di preferenza. In pratica, mi chiedo: in nome della libertà di scelta dell’elettore la Corte ha azzerato la libertà di scelta del Parlamento? E soprattutto: come dovremmo superare i ben noti problemi di governabilità, adottando una legge proporzionale ma senza la possibilità di “alterarla” mediante un premio di maggiranza sostanzioso (incostituzionale anche quello)?

Attendo le motivazioni della sentenza, fiducioso che nei meandri della dottrina costituzionale i 9 componenti che hanno votato per l’incostituzionalità delle liste bloccate abbiano trovato una risposta anche al mio atroce dubbio…

LDG

P.S. In diversi paesi democratici in cui si adotta un sistema elettorale con formula proporzionale, tipo Germania, Spagna, Israele o Portogallo ad esempio, le liste sono bloccate (come nel porcellum) e nessuno si sogna di dichiararle incostituzionali. Ricordo anche che le preferenze nel ’92 simboleggiavano il “demone” del voto di scambio e della corruzione e, di recente, alle elezioni regionali hanno generato discreti “mostri” oggi (quasi) tutti alle prese coi tribunali…