roma_il_giallo_delle_multe_a_marino_mai_notificate_n_pagate_dal_sindaco-0-0-423024

 

Il Panda-Gate iniziò subito, fu quasi simultaneo all’elezione di Ignazio Marino. Il quale, dimessosi da Senatore, ha continuato a parcheggiare la sua utilitaria negli spazi concessi al Senato della Repubblica. Ma allora la “luna di miele” era appena iniziata, il marziano aveva il vento in poppa, e nessuno fece caso a questo privilegio alquanto “fastidioso”, per quanto riconosciutogli dal Prefetto. Dopo oltre un anno dalla sua elezione, però, quei rompiscatole del NCD romano hanno deciso di tornare sull’argomento, con tanto di flashmob e video virali che hanno risollevato il caso. Pochi giorni dopo, giustamente, il privilegio (durato fin troppo) è stato spazzato via. Ma dietro a quella rampante Panda “rosso Ferrari” si nascondeva ben altro…Già, perché quando era parcheggiata abusava degli spazi del Senato, quando era in movimento abusava di un permesso per la ZTL non rinnovato. E oggi, a quanto pare, risulta parcheggiata da giorni in divieto di sosta (altre rogne in arrivo). Una specie di simbolo del male. Non a caso, qualcuno su Twitter ha suggerito a Marino di metterla in vendita su subito.it.

E sono così sbucate 9 multe non pagate per attraversamento varchi ZTL. Anzi 4 mai notificate, altre 4 sparite nel nulla. Dell’ultima non abbiamo notizia perché il ritrovamento è troppo “fresco”. Il problema di queste multe non è solo di immagine (un Sindaco che non paga le multe nella sua città è abbastanza grave e fa abbastanza incazzare chi le paga. L’exemplum…), ma addirittura di decadenza per legge, in quanto un Sindaco non può avere pendenze con il Comune che amministra.

Dunque, il Panda-Gate diventa inevitabilmente un problema serio. Nulla, però, in confronto a ciò che è diventato dopo che il Sindaco “de’ coccio” ha deciso, come sempre, di andare avanti come un mulo nella difesa della sua posizione di infallibile Dr. House. Lui non sbaglia MAI, ergo le multe non le paga. E allora si è avvitato in una spirale di brutte figure e di fughe da giornalisti e contestatori che è culminata in una denuncia ai Carabinieri per hackeraggio perché qualcuno del suo “cerchio magico (?)” gli ha portato due stampate diverse in cui compare e scompare il suo permesso retroattivo (fattispecie che non esiste, come documentato dagli addetti ai lavori). Per poi scoprire che le due stampate derivano da come si imposta la query, ossia da quali filtri di ricerca si inseriscono nel modulo dell’Agenzia della Mobilità… Roba da cabaret, non da Carabinieri.

Il problema, che non riguarda solo Marino, ma che con Ignazio raggiunge il suo acme, è che spesso la strada virtuosa da seguire per mettere a tacere le polemiche e addirittura ribaltare il clima d’opinione, è la più semplice. Non serve lambiccarsi immaginando chissà quali strategie che spesso finiscono per peggiorare le cose, prolungando l’agonia. Se il Sindaco avesse detto: “Chiedo scusa alle romane e ai romani (formula politically correct immancabile che “je piace tanto”), ma pur avendo diritto al permesso ho dimenticato di rinnovarlo (oppure “ci siamo dimenticati il rinnovo d’ufficio”). Pagherò immediatamente le multe”, avrebbe chiuso la vicenda in pochi minuti, ne sarebbe venuto fuori elegantemente e avrebbe anche potuto rinfacciare all’opposizione di essere “senza altri argomenti”.

E invece…ne è venuto fuori un triplo salto mortale carpiato, conclusosi ieri sera con una formula terrificante: “attacco politico nato da una mera dimenticanza degli uffici competenti”. Tradotto: “io ho diritto alla ZTL, non pagherò mai quelle multe, mi invento il permesso retroattivo e anche se guidava qualcun altro me ne frego del danno erariale che causo al mio Comune; tutto questo è una montatura bella e buona e se proprio qualcuno ha sbagliato è qualche burocrate fannullone…non certo io, che non sbaglio MAI”.

Ecco, come dire, se queste strategie derivano da guru e consulenti vari, siamo messi male. Se invece, come credo, in più persone gli hanno detto di pagare subito e di evitare altre rogne, e lui è andato avanti sul suo piano inclinato verso l’autodistruzione… Beh, caro Sindaco, dire che te le cerchi è dir poco.

LDG