Schermata 2015-04-24 alle 12.19.15

Di politiche di immigrazione e di asilo dell’UE si parla da una vita. Quando entrò in vigore l’accordo di Schengen (e venne integrato nel Trattati di Amsterdam) divenne necessario iniziare a pensarci: le frontiere interne cadevano, quelle esterne diventavano comuni. Tradotto: è almeno dalla fine degli anni ’90 che aspettiamo una politica comunitaria su questi temi.

Ieri Matteo Renzi, alla fine del Consiglio UE straordinario, ha detto: “Per la prima volta c’è una strategia europea. E’ cambiato l’approccio al problema dei migranti”. Sarà vero? Io ho molti dubbi al riguardo.

Intanto cerchiamo di capire com’è finito il vertice dei capi di Stato e di governo di ieri. Vertice che lavorava su un piano di 10 punti stilato dalla Commissione UE pochi giorni prima.

Il successo più “sbandierato” da tutti è l’incremento di risorse per l’operazione Triton, che dovrebbe avere a disposizione circa 120 milioni di euro: l’equivalente del costo di Mare Nostrum. Dunque, almeno su questo fronte, si realizza un minimo di “burden sharing”, cioè di condivisione degli oneri: non pagherà più solo l’Italia.

Tuttavia, è a tutti noto che il coordinamento delle operazioni in mare si è complicato, così come risulta molto più complicato svolgere indagini successive alle tragedie: con imbarcazioni estere, coordinatori stranieri, sede di Frontex a Varsavia…

In ogni caso, ben venga almeno la redistribuzione degli oneri finanziari. Il problema è che il Consiglio di ieri si è fermato lì. Nel senso che tutto il resto è un insieme di “buone intenzioni” e di procedure da mettere in campo in un periodo non proprio brevissimo. Come dire, “Consiglio urgente, ma soluzioni con comodo” (ed eventuali, aggiungerei).

E non è un caso che sia finita così, anzi era prevedibilissimo. Se dal 1997 ad oggi la comunitarizzazione delle politiche di immigrazione e di asilo ha proceduto ad andatura molto lenta ci sarà un perché. E se, ancora oggi, in quelle materie il Consiglio decide all’unanimità dei suoi componenti (cioè 28 governi su 28 devono essere d’accordo), è facile spiegare perché “la montagna abbia partorito un topolino” come scrive oggi Vittorio Emanuele Parsi sul Sole 24 Ore.

Se a ciò aggiungiamo che le posizioni dei singoli Stati membri dell’UE non emergono mai dai verbali delle riunioni del Consiglio, tutto diventa ancor più comprensibile. E qui apriamo il solito capitolo – a me tanto caro – della realtà mediaticamente costruita. 

Perché si è svolto il Consiglio UE ieri? Per risolvere un problema urgente o per far vedere che si vuole risolvere un problema urgente? “La seconda che hai detto” (cit.). Cioè, posto che l’opinione pubblica internazionale è in un triangolo emotivo micidiale – tra immagini di morti in mare, paure di sbarchi di terroristi e una generica paura di un’invasione straniera molto gonfiata nei numeri dall’impatto mediatico – era necessario far vedere che tutt’Europa fosse sensibile al dramma in corso.

Far vedere significa:

– convocare il Consiglio d’urgenza;

– aprirlo col minuto di silenzio;

– introdurlo con parole commoventi di Schulz, Tusk & Co.;

– chiuderlo sbandierando i fondi triplicati per Triton e tutti gli annunci di grandi operazioni (che molto verosimilmente non vedremo mai).

– approvare una dichiarazione pubblica da aprirsi rigorosamente con queste parole (e da far riprendere da tutti i giornali europei): “La situazione nel Mediterraneo è drammatica. L’Unione europea si adopererà con ogni mezzo a sua disposizione per evitare ulteriori perdite di vite umane in mare e per affrontare le cause profonde dell’emergenza umana a cui stiamo assistendo, in cooperazione con i paesi di origine e di transito. La nostra priorità immediata è evitare altre morti in mare“.

Il tutto con una copertura mediatica mostruosa, ovviamente. Il vero segreto del “successo”.

Poi c’è tutta la parte da non far vedere:

– dichiarazione finale da cui non emergono le posizioni dei governi;

– processo istituzionale bloccato dal voto all’unanimità;

– interessi nazionali che prevalgono di gran lunga su quelli dell’Unione: guai a prenderci in carico i rifugiati altrui…;

– incapacità manifesta di agire, specie in questi settori, in situazioni di emergenza.

Lo spettacolo è andato in scena, dunque. La foto di rito, come sempre, è stata fatta. Preceduta dall’immancabile minuto di silenzio. Fiumi di parole di vicinanza, commozione e solidarietà sono state spese. #Triton è nella top ten tra le tendenze di Twitter. Per oggi è davvero tutto ok.

La classe politica europea ha fatto il suo dovere: quello di mettersi in posa per le foto, rilasciare interviste e sparare comunicati stampa a raffica con faccia contrita e grande commozione.

Ora non resta che attendere i prossimi naufragi. Con la certezza che, se non ci fossero le telecamere a immortalarli, non avremmo neanche Consigli straordinari da convocare.

LDG