Interactive chart: EU expenditure and revenue – Monti riuscirà nell’impresa?

Domani Monti negozierà per i Bilancio dell’UE 2013. Riuscirà nell’impresa di farci uscire dal club dei contributori netti? Ossia di quei paesi che ricevono meno di quanto cedono al bilancio comunitario? Impresa non semplice, oggettivamente. Se ci riuscisse, avremmo trovato la copertura per l’abolizione dell IMU sulla prima casa.

Per chi volesse dare un’occhiata, ecco il link al grafico interattivo sul bilancio comunitario:

Interactive chart: EU expenditure and revenue – Financial Programming and Budget.

E se fosse già pareggio?

Quasi tutti i sondaggi danno ormai la coalizione di centrodestra a circa 5 punti da quella di centrosinistra. Fanno eccezione Euromedia ed Ipsos, su fronti opposti, ma mediamente la distanza sembra essere quella. E ovviamente tali dati non prendono ancora in considerazione la “proposta shock” di ieri, ossia la restituzione dell’IMU sulla prima casa promessa da Berlusconi alla Fiera di Milano, davanti a standing ovation e bandiere in festa. Ho letto e sentito reazioni sdegnate e tendenti a ridicolizzare tale proposta sol perchè proveniente da Berlusconi. È un grave errore di logica e di comunicazione. Di logica, perché è una fallacia ad personam cioè l’errore di giudicare un’affermazione sulla base di chi la pronuncia. Di comunicazione, perché attaccare Berlusconi e non provare a smentire dati alla mano la sua promessa è una tattica che ha già dimostrato da anni che non fa altro che rafforzarlo. Ieri, non ho dubbi, Berlusconi ha recuperato ancora terreno e continuerà a farlo fino a che non si faranno controproposte credibili e con altrettanta visibilità mediatica, o fino a che non si smonteranno coi numeri le sue proposte. Ma non su Twitter, o su lavoce.info, dove ci sono community di addetti ai lavori. La reazione, se c’è, deve essere proporzionata all’azione, altrimenti è inesistente.
Ciò premesso, voglio sottolineare un altro aspetto che potrebbe rivelarsi decisivo da qui al 25 febbraio. Nel 2006, gli ultimi sondaggi pubblicati (il 10 aprile) davano il centrosinistra avanti di 5 punti. Ricordiamo bene come è finita: pareggio alla Camera e centrodestra avanti di oltre 100 mila voti al Senato. Nel 2008, il vantaggio medio del centrodestra agli ultimi sondaggi era di 6 punti e gli exit poll davano PD primo partito… Il risultato fu un +9% del centrodestra e un PD nettamente dietro al PDL. Avete capito dove voglio arrivare…se questo -5% fosse già un pareggio? Con la vicenda Monte dei Paschi ancora in ballo e una campagna dettata come sempre da Berlusconi che costringe gli altri ad inseguirlo, compreso Monti che un mese fa riteneva l’IMU sulla prima casa intoccabile e ora ha cambiato idea. Su queste premesse può davvero succedere di tutto nelle prossime settimane. Anche perché il PD, tra il silenzio imbarazzante e le minacce “sbrananti” su MPS e la volontà di tenere un profilo basso e sobrio anche in termini di esposizione mediatica, sta perdendo colpi quotidianamente. C’è una verità molto semplice che, a mio avviso, nel partito democratico non hanno ancora capito nonostante 20 anni di “lezioni” da parte di Berlusconi: sobrietà, competenza, responsabilità sono doti richieste a chi governa, ma non ci si vincono le campagne elettorali. Le campagne si vincono facendo sognare, ridando speranza, dettando l’agenda politica, occupando tutti i media, in primis le TV. Se volete, le campagne si vincono con il marketing e con la pubblicità, eventualmente anche mentendo e sparandole grosse. Poi, a contesa finita, si pensa a governare e quella è un’altra storia, con altre esigenze e altre doti da mostrare. Ma in questa fase, la fase del “campaigning”, conta la capacità di motivare, di arrivare alle viscere, di provocare emozioni. E in questo, non c’è niente da fare, Berlusconi è ancora anni luce avanti a tutti.

LDG